Chiara chiede: Pre Diabete - Blog - Il dr. Senette risponde.

Foto dr. Pietro Senette
Logo dietologo nutrizionista Senette
MENU
menu navigazione
Vai ai contenuti

Chiara chiede: Pre Diabete

Pubblicato da in Forum ·
Tags: lisinoprildietadiabetepressione arteriosa
Gentile Dr.Senette, il mio medico di famiglia mi ha diagnosticato il pre-diabete e mi ha anche detto che inevitabilmente andro' incontro con il passare del tempo a Diabete di tipo 2.
Vorrei chiederle se esiste una dieta che permetta di bloccare questa mia patologia e se è un tipo di dieta che possono seguire tutte le persone.
Io assumo già lisinopril 20 mg per il controllo della pressione arteriosa.
Grazie Chiara P.

Dott Senette risponde:
Carissima sigra Chiara, il  termine pre-diabete indica la condizione di disglicemia (ovvero alterata glicemia)  non sfocia necessariamente in un diabete conclamato; in altre parole, non si tratta di una condizione irreversibile, ma è un chiaro segno di preavviso che qualcosa nel nostro corpo non sta andando per il verso giusto e siamo ancora in tempo per cambiare rotta o, nella peggiore delle ipotesi, rallentare l’esordio della malattia vera e propria. Già in questa fase infatti, la glicemia superiore alla norma inizia a minare l’integrità del sistema cardio-vascolare, aumentando il rischio di patologie al cuore e di tutta una serie di complicanze tipiche della malattia diabetica (oltre a cuore, reni e vista sono gli organi più esposti al danno da iperglicemia).Per quanto riguarda l' esistenza di una dieta mirata a bloccare questa sua condizione, le diro' di più : essendo il diabete stesso una patologia essenzialmente metabolica, la dieta resta ad oggi la vera ed unica arma efficace  a nostra disposizione. Per quanto riguarda la terapia antipertensiva che segue essa non è sicuramente  un intralcio alla prescrizione di una dieta anti-diabete ma, come tutti i trattamenti farmacologici potrebbe richiedere un adattamento in caso di variazione del suo stato fisico, ad esempio in seguito ad un eventuale calo ponderale.
Le consiglio quindi di rivolgersi ad un bravo nutrizionista e vedra' che il suo stato di salute non potrà che giovarne.


comments powered by Disqus
Torna ai contenuti