Federica chiede: Cirrosi epatica

Dietologo a Cagliari Milano Sinnai Iglesias
Alimentazione e nutrizione a 360°
dietologo nutrizionista a Cagliari Milano Sinnai Iglesias
Vai ai contenuti

Federica chiede: Cirrosi epatica

Pubblicato da Federica in Forum · 8 Giugno 2021
Tags: cirrosi epaticainsufficienza venosafegato
Gent.mo Dott. Senette, da diversi mesi mio marito 53 anni, è affetto da cirrosi epatica, complicata da insufficienza venosa, episodi di rottura varici, e ricorrenti infezioni che lo stanno portando ad una continua debilitazione anche a causa degli antibiotici assunti.
Le chiedo è possibile avere un aiuto seguendo una dieta specifica o mi devo rassegnare alle sole cure farmacologiche?
La ringrazio anticipatamente
Federica

dr. Senette risponde:

Gentile Federica, la cirrosi epatica è una malattia cronica che colpisce gli individui principalmente fra i 40 e i 60 anni. Nel nostro paese sono almeno un milione le persone che ne sono affette. Si tratta di una patologia che comporta alterazioni nella struttura e nelle funzioni del fegato. Quest’ organo è ahimè unico ed essenziale per il nostro corpo e anche se resistente quanto mai, se mantenuto in ordine, diventa repentinamente malato ed indifeso se esposto in maniera estenuante a continui disordini digestivi.
La malattia di suo marito ha un andamento lento ma progressivo, soprattutto se non si attuano le giuste contromisure! Tipicità di questa patologia sono l’alterazione del flusso sanguigno intraepatico e l’ipertensione portale con probabili e conseguenti varici esofagee.
Tutto questo in sostanza è dovuto al flusso sanguigno intraepatico rallentato a causa di un sangue non più fluido ma viscoso e grasso. Fortunatamente le contromisure esistono, e sono tutte in natura. Una dieta specifica contro la cirrosi epatica è garante di risultati eccezionali già nel medio periodo, e spesso risolutivo nel lungo termine.
Affidi suo marito ad un dietologo o nutrizionista specialista delle malattie intestinali, malattie epatiche e metaboliche, i risultati non si faranno attendere.


Torna ai contenuti