Blog - Il dr. Senette risponde.

Dietologo a Cagliari Milano Sinnai Iglesias
Alimentazione e nutrizione a 360°
Canale Youtube del dr. Senette
Segui il dr. Senette su Facebook
dietologo nutrizionista a Cagliari Milano Sinnai Iglesias
Segui il dr. Senette su Facebook
Canale Youtube del dr. Senette
Vai ai contenuti

Giovanni chiede: Disbiosi

Pubblicato da in Forum · 18 Dicembre 2017
Tags: Disbiosiprobiotici
Domanda inviata da: Giovanni
Buona sera dottore, volevo solo chiederle un consiglio, in seguito a disbiochek sono risulatato con Indicano di 49 mg/L, il che se non sbaglio indica presenza di disbiosi fermentativa. Ho letto che in questo caso non è consigliata l'assunzione di probiotici, in altre letture vedo che consigliano lactobacilli Acidophilus, enzimi digestivi e vitamine del gruppo B. Come mi devo comportare? In oltre riguardo alle diete in alcuni siti consigliano una maggior assunzione di frutta e verdura e in altri invece no, favorendo invece una maggior assunzione di carni magre e pesce. Mi potrebbe lei dare qualche suggerimento in proposito? Cordiali saluti Giovanni

dr. Senette risponde:

Caro Giovanni, La disbiosi intestinale è un’alterazione degli equilibri e della composizione della flora batterica intestinale, che comporta un insieme di sintomi e disturbi dell’apparato gastrointestinale, in grado di avere conseguenze anche su organi ed apparati distanti dall’intestino.
A livello del tratto gastro intestinale è presente un vero e proprio organo, il Microbiota, costituito da quantità di mircoorganismi che costituiscono la flora batterica. La tipologia ed il numero di batteri intestinali contribuiscono all’omeostasi,ovvero la capacità di mantenere un equilibrio anche in risposta a sollecitazioni esterne importanti come cibo non adeguato,microrganismi patogeni etc Entrando nel dettaglio l’indicano è un metabolita(cioè un prodotto del metabolismo), del triptofano,aminoacido particolarmente rappresentato nei derivati di origine animale anche se esistono alimenti vegetali che per brevità chiamerò’ di “nicchia”visto che non se ne fa un uso smodato(esempio cioccolato,arachidi,olio di sesamo, alcuni legumi) che lo contengono comunque in quantità importanti. Detto cio credo di averti chiarito quale delle discordanti informazioni da te reperite in rete sia quella più’ verosimile. Concludendo a seguito del tuo test è risultato una concentrazione di indicano di 49 mg/l che risulta, , di per se compatibile con una disbiosi medio grave, in particolare a carico dell’ intestino tenue,ma sarebbe veramente riduttivo per una corretta diagnosi e quindi una conseguente corretta cura,basarsi solo su di esso; le suggerisco quindi di rivolgersi ad uno specialista di sua fiducia per approfondire la questione anche perché una disbiosi trascurata può’ portare a conseguenze per la salute anche piuttosto gravi.


comments powered by Disqus
Torna ai contenuti