Paola chiede: Diabete, dieta ed inestetismi - Blog - Il dr. Senette risponde.

Foto dr. Pietro Senette
Logo dietologo nutrizionista Senette
MENU
menu navigazione
Vai ai contenuti

Paola chiede: Diabete, dieta ed inestetismi

Pubblicato da in Forum ·
Tags: dietadiabetecelluliteritenzione idricaflora batterica
Gentile Dr.Senette, le scrivo perché a due anni dalla diagnosi di diabete e conseguenti cure farmacologiche il mio stato di salute è cambiato in peggio: glicemia a digiuno e dopo i pasti sempre piuù alta, stanchezza dopo i pasti onnipresente e non ultimo come importanza, sto assistendo ad un continuo incremento del mio peso e alla comparsa di inestetismi quali la cellulite e la ritenzione idrica che non avevo mai avuto.
Inizio ad avere qualche dubbio circa l' efficacia dei trattamenti farmacologici che sto seguendo,e volevo avere un suo parere circa la dieta nella mia patologia.
La ringrazio
Paola

dr Senette risponde:

Cara Paola, comprendo benissimo il suo stato, d' altronde dopo due anni di vita improntata ai dettami della diabetologia convenzionale si aspetta giustamente un miglioramento del suo stato di salute. Purtroppo questa non è cosa ne' facile ne' scontata.Il diabete risulta un esempio chiaro di come le patologie metaboliche - infiammatorie debbano per una loro corretta risoluzione essere imperniate sul cambiamento della dieta e dello stile di vita, pena inevitabili delusioni.
Il sogno della "pillola" magica panacea di tutti i mali resta oggi tale. Gli alimenti amici del Diabete sono tanti e variegati, ottimi per i
diabetici sono gli asparagi, l' avocado, l' avena, i cavoli, i broccoli, la cicoria, i fagioli, la lattuga, le nocciole, le noci, le olive, le mele, le
pere, l' uva, le arance, i mandarini, i pompelmi, i limoni, alimenti ricchi di vitamina C oltre ciliegie, cavolini Bruxelles, crescione,
cavolfiore, caco, spinaci, acetosa, fragole, pomodori, peperoni. E' inoltre importante includere pectine, gomme vegetali, inuline, mucillagini, ossia fibre solubili che sono attive nel regolare l’assorbimento di grassi e zuccheri.
Una menzione particolare e spero di averle elencato giusto i principali attori, meritano le fibre prebiotiche in quanto nutrono il
microbiota, la flora batterica intestinale, ovvero quell’esercito intelligente di batteri protettivi che colonizza il nostro intestino e che
è fondamentale per mantenerci in salute non solo per quanto riguarda il diabete ma come dimostrano i recenti studi in tutte le più
diffuse patologie.
Spero di averle fornito qualche spunto per un cambio di direzione nel suo stile di vita che accompagnata da un esperto nutrizionista la
porterà in breve a dei notevoli miglioramenti.
Saluti,
dr. Pietro Senette


comments powered by Disqus
Torna ai contenuti